Lusso: i grandi marchi chiedono sconti e dilazioni dei pagamenti.

Borse e abiti di lusso invenduti in un contesto dove i grandi marchi riducono gli ordini e richiedono sconti e dilazioni, gli artigiani italiani sono preoccupati per il loro futuro.

Il 40% della produzione mondiale di beni di lusso è italiana ed è stata gravemente colpita da un forte calo della domanda a causa della crisi del coronavirus. Alcuni artigiani sostengono che non ci sono nuovi ordini per il post estate.
I gruppi Hugo Boss e Max Mara hanno entrambi chiesto sconti sugli ordini esistenti rispettivamente dell’8% e del 7%, secondo quanto riferito dai fornitori a Reuters.
Da ciò si potrebbe dedurre che i gruppi del lusso di medie dimensioni, in questo modo, stiano cercando di compensare le vendite perse nelle settimane di lockdown.

Si parla di una riduzione degli ordini tra il 20% e il 50% a maggio e giugno rispetto a un anno fa.
Sembrerebbe che dal gruppo Hugo Boss abbiano, inoltre, richiesto una dilazione dei pagamenti a 120 giorni dalla consegna dai 10 giorni normalmente previsti.

I tagli alla produzione e la rinegoziazione dei prezzi mettono a rischio la sopravvivenza di molte piccole e medie aziende che lavorano pellame e tessuti.
Con le principali economie in recessione, la domanda per abiti e accessori di lusso potrebbe crollare fino al 35% quest’anno, secondo la società di consulenza Bain, che ritiene che i ricavi non torneranno ai 280 miliardi del 2019 prima del 2022-23.

Marchi piccoli e grandi si ritrovano con enormi giacenze di invenduto e nella maggior parte dei casi dovranno rifugiarsi in forti ribassi.
Chanel, la controllata di LVMH, Louis Vuitton e la controllata di Kering, Gucci, hanno aumentato i prezzi di molti articoli esclusivi, prevedendo che i loro clienti più facoltosi continueranno, comunque, a fare shopping.
Tuttavia la stessa Gucci e Michael Kors, hanno rinviato l’uscita di alcune nuove collezioni e dichiarato che il lusso dovrebbe smettere di seguire i frenetici cicli di consegna del fast fashion.

Read More

MODA MAKERS digitalizzata

Il Covid-19 non impedirà Moda Makers: appuntamento fisso a Carpi per le piccole e medie imprese tessili: grazie agli sforzi organizzativi del Carpi Fashion System e della Expo Modena Federation, è stata sviluppata la piattaforma web che, dal 18 giugno, consentirà l’apertura dell’edizione zero di Moda Makers Digital.
È una versione completamente digitale dell’evento e consentirà agli acquirenti di tutto il mondo di visualizzare i campionari online: il portale offrirà a 36 aziende partecipanti l’opportunità di mostrare le proprie creazioni, contattare clienti e ricevi ordini.

Read More

CPM rinviato al 2021, debutta S’elecotion Moscow 2020

La 35a edizione del Cpm-Collection Premier Moscow, originariamente prevista a Mosca dall’1 al 4 settembre presso l’Expocentre non si potrà svolgere poiché quest’ultimo risulta utilizzato come ospedale di emergenza per curare i pazienti covid.

Pertanto, il prossimo appuntamento per il salone abbigliamento e accessori si terrà dal 22 al 25 febbraio 2021. In genere, ad esso, partecipa una buona selezione di marchi made in Italy coordinati da Emi-Ente Moda Italia.

Ma gli organizzatori della Messe Duesseldorf Moscow OOO (una consociata della Messe Duesseldorf GmbH) che lavorano con la Igedo Company non si sono arresi. In effetti, il format S’elecotions Moscow 2020 esordirà dal 16 al 20 settembre e il suo epicentro sarà costituito da due 7.000 metri quadrati di eleganti sale collegate da un servizio navetta.

Sono presenti circa 300 marchi nazionali e internazionali, in particolare per il pubblico B2B. Al momento non ci sono altre informazioni, ma l’aggiornamento verrà pubblicato su cpm-moscow.com e su selections-moscow.

Per noi, CPM è strettamente legato alla posizione dell’Expocenter, ha spiegato Thomas Stenzel, direttore generale della Messe Duesseldorf Moscow OOO. Viste le difficoltà abbiamo sviluppato, con i nostri partner moscoviti ed internazionali, una soluzione intelligente per espositori e rivenditori russi. Come suggerisce il nome, il principio di S’elections Moscow sarà la scelta delle collezioni primaverili ed estive.

Read More

Zara chiude oltre 1200 negozi nel mondo

Inditex, la società guidata da Zara, ha annunciato la chiusura di 1.200 negozi e ha accelerato le vendite online. Le decisioni relative al coronavirus hanno ridotto le vendite nel primo trimestre del 44% a 3,3 miliardi di euro, facendo perdere all’azienda 409 milioni di euro, rispetto a un utile di 736 milioni di euro nello stesso periodo dell’anno scorso.

Le vendite online hanno registrato buoni risultati, con un aumento del 50% nel primo trimestre e un aumento del 95% ad aprile rispetto al 2019. Inditex è il nome del gruppo, in esso inclusi marchi come Zara, Massimo Dutti, Bershka, Oysho e Stradivarius, si concentra così sulla comodità delle vendite sul web.Il gruppo Inditex aveva già investito 2,5 miliardi di euro per rafforzare questa piattaforma online, ma ha dichiarato di essere pronto a investire almeno una parte di essa per migliorare il commercio elettronico. Si prevede che le vendite online rappresenteranno il 25% del fatturato totale nel 2022 (14% nel 2019).
Il CEO Pablo Isla (eletto come miglior CEO del mondo nel 2018) ha dichiarato: “Nonostante la crisi, siamo fiduciosi nel nostro modello di business e continueremo a sviluppare strategie a lungo termine per estendere i negozi completamente integrati alla nostra piattaforma online Una maggiore qualità del negozio significa anche migliori prestazioni nell’e-commerce. “

Read More

Marzotto: con tecnologia di trattamento ViralOff, tessuto anti-virus

Marzotto: con tecnologia di trattamento ViralOff, tessuto anti-virus

Il Gruppo Marzotto e uno dei principali leader nel campo biomedico, Polygiene, hanno siglato un accordo di cooperazione che ha portato a un metodo di trattamento innovativo ViralOff che vieta i virus nei tessuti.
È stato sviluppato da Polygiene per l’influenza aviaria, il virus dell’influenza aviaria, il norovirus e il virus dell’influenza di Sars ed è stato modificato e adattato al nuovo ceppo Covid-19, che può ridurre il 99% residuo sulla superficie del tessuto in breve tempo Il suddetto virus.
Le prestazioni del prodotto sono garantite e testate secondo ISO18184: 2019. Attraverso la cooperazione, il trattamento antivirale ViralOff può essere adattato per utilizzare tessuti realizzati con fibre naturali come lana, lino e cotone.

Fonte Fashionmagazine.it

Read More

FMI-Confcommercio: “Per rivitalizzare l’economia, è necessaria una visione a medio-lungo termine”

FMI-Confcommercio: “Per rivitalizzare l’economia, è necessaria una visione a medio-lungo termine”

Il presidente Borghi riconosce che la misura ha risposto alla richiesta dell’associazione, compresa la soppressione di clausole di salvaguardia che potrebbero innescare l’aumento dell’IVA nel 2021, nonché donazioni non rimborsabili in euro per le società con un reddito inferiore a 5 milioni. Altri aspetti positivi del decreto sono la cancellazione del pagamento del saldo del 2019 e la prima rata dell’IRAP; il credito d’imposta per il noleggio del 60% e il 30% dell’affitto della società per l’espansione del tempo e i tipi di proprietà non residenziale; L’imposta è stata estesa al 16 settembre; l’estensione dei licenziamenti e la piccola compensazione di 600 euro a maggio sono state trasferite a 1.000 euro.

Fonte Fashionnetwork.com

Read More

Lusso e subappaltatori collaborano per riprendere la produzione

Lusso e subappaltatori collaborano per riprendere la produzione

Dopo settimane di blocchi obbligatori, l’industria del lusso sta gradualmente riprendendo la produzione in Italia e Francia in un forte ecosistema in cui la pandemia di Covid-19 e molti subappaltatori sono in difficoltà. La recente definizione del mercato in Cina (il mercato principale rappresenta acquisti di lusso globali per un valore del 35%), quindi in Europa, e il rimbalzo dei consumi causato dalla graduale riapertura dei negozi hanno portato i grandi gruppi a riavviare gradualmente le proprie unità produttive. “Ci stiamo gradualmente riprendendo alla fine di aprile. Ma al momento non è possibile effettuare una previsione nel giorno in cui tornerà alla normalità”, ha dichiarato Micaela Le Divelec Lemmi, CEO di Salvatore Ferragamo, AFP a AFP Disse.

Fonte Fashionnetwork.com

Read More